Impianti dentali

Gli impianti dentali sono delle radici artificiali di titanio che vengono inserite (impiantate) all’interno delle ossa mascellari e vanno così a formare la solida base alla quale attaccare le protesi fisse o ancorare una protesi rimovibile. Gli impianti funzionano nello stesso modo dei denti naturali e consentono di recuperare la comodità di masticare, parlare e sorridere con la stessa sicurezza data dai denti naturali. Contrariamente a quanto spesso si sente dire, gli impianti non sono soggetti a “rigetto“. Infatti il materiale da cui sono costituiti, il titanio, è assolutamente biocompatibile, ovvero non viene riconosciuto come corpo estraneo dal nostro organismo, bensì viene accettato come fosse una sua parte. Il titanio, quindi, inserito nell’osso umano, si integra con la struttura ossea stessa, formando un elemento unico sul quale ci si può ancorare per sostituire uno o più denti. Questo processo viene chiamato osteointegrazione e gli impianti si dicono quindi “osteointegrati”.

Grazie agli impianti, oggi la perdita di un dente non ha più conseguenze irreparabili. Gli impianti dentali offrrono da ormai quasi 30 anni la possibilità di sostituire pienamente i denti perduti. L’implantologia dentale si basa su di un solido fondamento scientifico e viene applicata da decenni con successo nella medicina dentale

Che cos’è un impianto Il dente naturale è costituito dalla corona dentale e dalla radice. LA radice affonda nell’osso, per garantire al dente la stabilità. La porzione visibile del dente è la corona dentale. La perdita di un dente può indurre il rimodellamento del tessuto osseo con una perdita di sostanza. Gli impianti dentali hanno quindi anche una funzione preventiva, impedendo il rimodellamento in difetto del tessuto osseo per assenza di carico nell’area priva del dente. Per ripristinare un dente mancante l’impianto viene posizionato nella sede in cui si trovava in precedenza la radice e su di esso viene montata una corona realizzata in laboratorio. In tal modo si ottiene la stessa situazione che si ha in presenza del proprio dente originale, tanto in ternmini di funzionalità che di conservazione e di funzione.

Trattamento convenzionale

Il trattamento convenzionale di un’area edentula mediante un ponte “tradizionale” prevede la “preparazione”, cioè la limatura con conseguente perdita di tessuto talvolta sano, dei denti adiacenti, allo scopo di ottenere un ancoraggio sicuro per il nuovo dente. Questa procedura comporta tuttavia la perdita di sostanza dentale sana e preziosa. L’ancoraggio di protesi parziali ai denti attigui mediante ganci può creare la sensazione di un corpo estraneo. La stabilità di una protesi mobile inoltre diminuisce nel tempo in seguito al riassorbimento del tessuto osseo e la correzione della stessa non è sempre possibile in modo ottimale. Il risultato può determinare difficoltà ed una vera e propria compromissione della capacità masticatoria.

Trattamentento con impianto dentale

In questo caso il ripristino dell’area edentula non avviene con “ponti” o protesi parziali mobili, bensì con un impianto che evita il fastidioso collegamento meccanico ai denti sani vicini. L’impianto si connette completamente all’osso mandibolare o mascellare e va a costituire un erfetto elemento di supporto per la protesi dentale, analogamente alla radice di un dente naturale.

Come si svolge un trattamento con impianti?

Il posizionamento

Il posizionamento di impianti dentali viene eseguito normalmente con un intervento ambulatoriale. Si anestetizza l’area interessata così che l’inserimento dell’impianto nel tessuto osseo risulti totalmente indolore. Per assicurare all’impianto un ancoraggio saldo e durevole, è necessario lasciar guarire e crescere il tessuto osseo intorno all’impianto e a tal fine deve trascorrere un periodo di circa 2-4 mesi. Al termine della fase di guarigione è possibile inserire la nuova corona dentale sull’impianto. La programmazione di un intervento di questo tipo, che pure è diventato ormai di routine per l’ambulatorio dentistico, è condizionata dalla situazione orale di ciascun individuo e deve essere valutata con precisione e discussa approfonditamente con il dentista.

Il mantenimento

Gli impianti dentali richiedono, come i denti naturali, una scrupolosa igiene orale e controlli regolari presso lo studio dentistico. Solo una cura adeguata e controlli regolari possono assicurare il successo a lungo termine del trattamento.